La Maddalena

VI.63.
La Maddalena
Olio su tela, cm 45×38

La giovane donna, rappresentata a mezzo busto, è colta nell’attimo in cui poggia le mani giunte sulla guancia destra in segno di dolore e lutto. La luce proveniente da sinistra crea un gioco di ombre all’altezza degli occhi, accentuando maggiormente la sofferenza del soggetto. Incorniciato da capelli castani, il viso presenta un incarnato chiaro. L’abito biancastro fa emergere la figura dal fondo grigio incompleto. L’opera è uno dei numerosi studi realizzati da De Napoli per il dipinto intitolato Ritorno dal Calvario, donato alla Concattedrale di Terlizzi nel 1885. L’abbozzo è molto simile alla figura definitiva della Maddalena:  l’espressione del viso e il gesto delle mani sono un evidente rimando all’opera ultima. D’Orsi ci informa che il pittore ha ripreso in Ritorno dal Calvario “ancora una volta, un vecchio tema sbozzato in cartone fin dal 1852, per un quadro destinato ad una chiesa napoletana” (D’Orsi 1939, p. 10). Si suppone che questo sia un bozzetto risalente agli anni Ottanta dell’Ottocento, date le nette equivalenze con l’opera definitiva.
A.T.

Bibliografia: M. D’Orsi, Catalogo della Pinacoteca De Napoli in Terlizzi, Bari 1939, n. 91.
Scheda Catalogo Generale Soprintendenza BSAE della Puglia: 1600000140, Ch. Farese Sperken, 1972
Restauro: Maurizio Lorenzoni, 2009