Addolorata

III.28. Addolorata
Carbone su carta, cm 25,5×25,5

Il bel disegno a carboncino con tratti di gesso, costituisce uno studio fresco ed immediato per il volto della Madonna svenuta, dell’opera destinata ad una non precisata chiesa napoletana di cui abbiamo traccia precisa nel cartone e in un bozzetto assai vicino all’opera definitiva (scheda 27) nella Pinacoteca di Terlizzi. Con tratti sicuri il maestro definisce la capigliatura nera scomposta che mette ancor più in risalto il pallore cadaverico della Vergine ormai priva di sensi che, nel bozzetto riferito, è sostenuta dalle Marie che presero parte alla sepoltura di Gesù. Ben definita da pochi ma sapienti sfumature l’anatomia del collo e dell’omero destro che fuoriesce dalla veste, quest’ultima accennata da pochi e sicuri tratti a carboncino.
F.D.P.

Bibliografia: N. Paloscia, Catalogo illustrativo della Pinacoteca De Napoli, Bitonto 1898, dal n. 135 al n. 140 bis, non identificabile; M. D’Orsi, Catalogo della Pinacoteca De Napoli in Terlizzi, Bari 1939, n. 122.
Scheda Catalogo Generale Soprintendenza BSAE della Puglia: 1600000313, Ch. Farese Sperken, 1974